La storia - Fregene.net

Vai ai contenuti

Menu principale:

La storia

LA STORIA
Fregene, conosciuta già in antichità per il suo porto fluviale alla foce del fiume Arrone, fu prima etrusca e poi romana, il suo nome probabilmente deriva da un insediamento di mercanti originari della Frigia. La Fregene etrusca era situata qualche chilometro all'interno sguendo il corso dell'Arrone. La Fregene romana invece si trovava nella zona di Maccarese oggi denominata Primavera dove sono stati trovati numerosi reperti ed una necropoli. Con la costruzione del grande porto marittimo a Porto (l'odierna Fiumicino) Fregene perse importanza e divenne più che altro residenza balneare per alcune famiglie patrizie romane. Verso il V sec. d. C. tuttavia si spopolò completamente a causa della malaria diffusa per l'impaludamento del retroterra. Nel 1666 papa Clemente IX vi fece piantare una pineta per rendere salubre il terreno acquitrinoso. Tuttavia Fregene rinascerà solo successivamente alla bonifica terminata nel 1936. Negli anni successivi la nobiltà romana scoprirà Fregene dandole lustro e notorietà. Tra gli anni Cinquanta e Sessanta sarà il cinema a rinverdire il mito di Fregene set di film di Fellini come Lo sceicco bianco, La dolce vita e Giulietta degli spiriti.

Domani il referendum che chiede la separazione da Fiumicino (dal Corriere della sera del 15/3/1997)

------------------------- PUBBLICATO ------------------------------ ALLE URNE . In caso di vittoria i "secessionisti" ribattezzerebbero il paese con il nome "Lido di Diana" TITOLO: Fregene vota per l'autonomia Domani il referendum che chiede la separazione da Fiumicino - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - Si comincera' a votare alle 8 di domani e si terminera' alle 22. Ma nonostante l'avvicinarsi del momento della verita', l'atmosfera e' tiepida: i 39.063 cittadini del comune di Fiumicino chiamati alle urne per decidere se fare di Fregene un municipio autonomo, paiono non appassionarsi troppo alla disputa. Anche perche' i partiti locali soltanto all'ultimo momento, dopo mille incertezze, hanno preso posizione con chiarezza. Alleanza nazionale ha appoggiato il referendum in nome della liberta' di scelta pero' adesso si oppone al distacco: "Ma l'attuale sindaco non e' capace di tenere unito il comune . afferma il capogruppo comunale di An Alberto Cava . quindi e' giusto che lo scontento emerga dalla votazione". Favorevole il Ccd, il Cdu e Forza Italia. Contrari Rifondazione comunista e il Pds. Il fronte del si' ha dalla sua buona parte dei vip di Fregene: Giuliano Gemma, Jacques Sernas, Lina Wertmuller e Gillo Pontecorvo. Lo schieramento del no risponde con Sergio Citti e buona parte degli imprenditori locali, come Emma Pascali, presidente dell'associazione di stabilimenti balneari. Il nuovo municipio dovrebbe chiamarsi Lido di Diana. E comprenderebbe Aranova, Palidoro, Torre in Pietra, Passoscuro, Testa di Lepre, Tragliata e Tragliatella, tutte localita' che cinque anni fa, nel giorno del referendum per la separazione di Fiumicino dal Campidoglio, si schierarono compattamente per il no. "Le ragioni di quel rifiuto . sostiene Patrizia Bitelli, leader degli autonomisti . sono le stesse che spiegano oggi la necessita' del si' al comune di Fregene. L'amministrazione capitolina puo' averci governato male, ma non ci ha mai dimenticato come hanno fatto i tre sindaci che si sono succeduti a Palazzo dell'Orologio". ------------------------- PUBBLICATO ------------------------------ A FAVORE: GIULIANO GEMMA TITOLO: "Troppe esigenze diverse" - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - Giuliano Gemma vive fisso a Fregene da quattro anni, insieme alle figlie Giuliana e Vera. E d'accordo sull'autonomia: "Ovviamente senza avere niente contro Fiumicino. Ma trovo che Fiumicino abbia gia' tanti problemi da risolvere, che non si puo' occupare anche delle zone limitrofe. Fiumicino e Fregene hanno esigenze diverse e separatamente si potrebbero autogovernare meglio. Il primo e' un luogo ad alta urbanizzazione, ha un porto importante che meriterebbe piu' attenzione e cura, ha una sede comunale inadeguata e un faro bellissimo, sulla punta sinistra del litorale, che e' abbandonato e potrebbe essere sfruttato per qualche attivita'. "Fregene, invece, e' un'oasi di verde e andrebbe mantenuta tale. Quindi bisogna bloccare ogni tentativo di speculazione edilizia, costruire un porticciolo turistico e una piazza al centro del paese, regolamentare il traffico. Adesso ci sono le macchine che vanno a 80 all'ora per le stradine secondarie e i ragazzi con motorini che sfrecciano come matti e ogni tanto qualcuno si fa male. E poi bisogna salvaguardare le terre del Maccarese, che una volta erano coltivate a frutteto, producevano pesche che erano famose. Ricordo, da ragazzino, le scorpacciate di uva. Adesso i campi sono abbandonati, le case coloniche vendute. Ho il terrore che tolgano il vincolo agricolo e i terreni diventino edificabili". ------------------------- PUBBLICATO ------------------------------ CONTRO: SERGIO CITTI TITOLO: "Piu' siamo, meglio stiamo" - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - Sergio Citti abita a Fiumicino da vent'anni. Vive, insieme con il fratello Franco, in una casetta a un passo dalla spiaggia. E contrario alla scissione di Fregene: "Perche', come si dice, piu' siamo e meglio stiamo. La storia di Fregene la vedo cosi': secondo me proprio non c'e' motivo obbiettivo che si separi. Ma personalmente un motivo ce l'avrei ed e' questo: certe facce che vedo d'estate sul lungomare di Fregene proprio non mi piacciono. Sa, quelli che vengono da Roma perche' credono di trovare il pesce fresco e invece si mangiano quello surgelato? Ecco, sarei tentato di votare si' al referendum dell'autonomia solo per non vedere quelle facce in un territorio al quale appartengo anch'io. "Io sono arrivato qui vent'anni fa, perche' di Roma mi ero proprio stufato. I primi tempi ho vissuto in una roulotte, poi ho preso in affitto una stanza, alla fine ho trovato questa villetta. A chi mi chiede perche' ho scelto Fiumicino, rispondo come quel tipo di Casalpalocco in "Caro diario" di Nanni Moretti: Perche' si sta bene. "Conosco tutti i pescatori della darsena, vado in mare con loro, sono uno stanziale a tutti gli effetti. Alla fine, visto che non so se convenga che Fregene si stacchi da sto' borgo di marinari, faro' come mi consiglia il sindaco Bozzetto, che e' un amico mio fidato e qualche volta sbaglia, ma spesso "ce coje".
IL REFERENDUM TERMINO’ CON UN NULLA DI FATTO, MA IL DISTACCO SERVI’ A FAR NASCERE UNA COSCIENZA CHE IL NORD DEL COMUNE ESISTEVA E CHE AVEVA “UNA TESTA PENSANTE”.



Dal sito (Fregene per Fellini);

Diceva Fellini: "Fregene è per me come la Genesi.
E' a Fregene che sono nato come regista, con "Lo sceicco bianco", il mio primo film. Oltre "Lo sceicco bianco", vi ho ambientato il finale di "La Dolce Vita", gran parte di "Giulietta degli Spiriti", alcune scene di "La città delle donne".
Ma anche altri miei film li ho concepiti e in parte scritti a Fregene, dove io e Giulietta abbiamo vissuto per molti anni, o hanno come sfondo il mare, che è il mare di Fregene, oltre e più che il mare di Rimini".
Il mare di Fregene, Fellini lo aveva visto per la prima volta sul finire degli anni Trenta, qualche tempo dopo che si era trasferito a Roma, e ne era rimasto incantato: "Restai a lungo - raccontava in seguito - col fiato sospeso. Era d'un azzurro puro, che all'improvviso trascolorava diventando verde, blu notte, rosso fuoco o rosso vino, come il mare cantato da Omero o dipinto da Giorgio De Chirico. Una spiaggia lunghissima, deserta, polinesiana, lungo la quale si rincorrevano le dune, fra solitari capanni di paglia. Al di qua del mare, una pianura sterminata, a perdita d'occhio vibrante del frastuono delle cicale, che sembrava il fotogramma d'uno dei film di Kurosawa, una landa del suo

“ Al di qua del mare, una pianura sterminata, a perdita d'occhio vibrante del frastuono delle cicale, che sembrava il fotogramma d'uno dei film di Kurosawa „

Giappone medioevale".
Fu a Fregene, nell' estate del '58, che Fellini incontrò Marcello Mastroianni per proporgli il ruolo del reporter mondano in "La Dolce Vita", il film che avrebbe dato al regista, peraltro già vincitore di due Oscar, fama mondiale, e che avrebbe fatto dell'attore un divo di prima grandezza. Raccontava Mastroianni: "L'incontro avvenne a Villa dei Pini. C'era anche Ennio Flaiano. Fellini mi parlò, in termini molto vaghi del film e del ruolo che intendeva affidarmi. Io gli chiesi: "Posso vedere il copione? -"Ennio fagli vedere il copione", disse a Flaiano. Flaiano mi porse una cartella: dentro c'era soltanto un disegno pornografico, che raffigurava un uomo dal sesso spropositato e creature marine che gli nuotavano intorno, come in un balletto stile Esther Williams".
Fu a Fregene, nella pineta monumentale, che Fellini girò una delle scene più sensazionali di "Lo sceicco bianco": la scena in cui Alberto Sordi, tutto ammantato di bianco, si dondolava vertiginosamente su un'altalena di oltre trenta metri, issata fra due di quei pini secolari. Quella scena sarebbe diventata una delle più celebri della storia del cinema.

“ Una mattina, mentre passeggiavo fra i pini, una bella vocina tonante ruppe il silenzio profondo che vi regnava: "Federico! Federico!" Era Orson Welles. „

Fu ancora nella pineta di Fregene che Fellini fece, negli anni Sessanta, un incontro memorabile: "Ogni mattina - raccontava - andavo dalla pineta al mare e dal mare alla pineta. Delle passeggiate lunghissime, che mi ricordavano quelle che facevo a Rimini quand'ero adolescente, con il mare burrascoso, il cielo plumbeo e quel clima di festa finita che sono diventati uno dei temi ricorrenti dei miei film. Una mattina, mentre passeggiavo fra i pini, una bella vocina tonante ruppe il silenzio profondo che vi regnava: "Federico!Federico!"
Era Orson Welles. Ci abbracciammo, tutti e due emozionati. Ci promettemmo di incontrarci tutte le mattine per passeggiare insieme, ma quella fu la prima e l'ultima volta che ci incontrammo a Fregene, in quella pineta stupenda".
Costanzo Costantini - giornalista e scrittore

FU L'UOMO IN TUTA IL KILLER DI ETTORE MUTI

“Badoglio - disse il generale Carboni ex capo del SIM - aveva un terrore fisico dell’ ex Segretario del Partito” - La presenza del tenente dei Carabinieri Taddei che già aveva partecipato al “fermo” di Mussolini - un importante comunicato per giustificare l’assassinio dell’ Eroe. Nessun colpo di moschetto ma due revolverate a bruciapelo nella nuca.
Tempo fa, precisamente il 3 luglio scorso, con un articolo a tutta pagina, sul “Corriere della Sera”, in occasione dei cinquant'anni dalla caduta del Fascismo, Silvio Bertoldi ha riproposto la vicenda, mai del tutto chiarita, dell'uccisione di Ettore Muti, ex Segretario del P.N.F. Tenente colonnello della Regia Aeronautica, decorato di Medaglia d'Oro, di dieci medaglie d'argento e di due di bronzo al valor militare, definendo, senza mezzi termini, ciò che accadde in quel drammatico agosto del 1943 nella pineta di Fregene, poco distante da Roma, “il primo delitto di Stato dopo il Fascismo”.

Medagliere di Ettore Muti. 1 medaglia d'oro al V.M., 5 d'argento, 4 di bronzo, 5 croci di guerra, 2 croci di ferro tedesche, 2 medaglie al valore spagnole, 3 promozioni per merito di guerra.
L'esauriente “servizio” di Bertoldi, dopo un lungo e colpevole silenzio offre finalmente una versione seria e persuasiva dell'accaduto in risposta a quanto sostennero le autorità d'allora le quali, per coprire i mandanti o il mandante dell'assassinio, o quanto meno per renderne difficile, se non impossibile, l'identificazione, giustificarono l'arresto e la misteriosa morte di Muti ricorrendo ad abiette e infamanti ragioni di carattere politico e amministrativo; “irregolarità nella gestione di un ente parastatale” ma non dichiararono quale; “complotto con i tedeschi per un colpo di Stato tendente a liberare Mussolini e a restaurare il Fascismo” e infine “una sparatoria provocata da un tentativo di fuga dell'ex Segretario del Partito”, allorché, a notte inoltrata, i carabinieri andarono a prelevarlo nella villetta dove ormai s'era ritirato dopo l'abbandono dell'appartamento che aveva in città, nelle mura di Porta San Sebastiano, all'inizio della via Appia.
Oltre al “Corriere”, un altro giornale della stessa importanza, “La Repubblica”, è tornato sull'argomento con un articolo intitolato “Esecuzione nella pineta”. A Fregene c'è ancora chi ricorda la morte di Muti. Alle notizie fornite da entrambi quei pezzi, serviti senza dubbio a ravvivare ricordi quasi spenti, ritengo utile aggiungere quanto anch'io son venuto a sapere al riguardo, in seguito a colloqui con personaggi i quali, per le posizioni che occupavano all'epoca della vicenda, erano a conoscenza di segreti gelosamente custoditi. Mi riferisco al generale Giacomo Carboni, a quei tempi capo del Servizio Informazioni Militari (SIM) e pertanto in contatto quotidiano con Badoglio; al generale Paolo Puntoni, primo aiutante di campo generale di Vittorio Emanuele III e, in particolare, al dottore Coriolano Pagnozzi, per lunghi anni reggente della segreteria del capo della Polizia, senatore Bocchini, poi capo di Gabinetto di Buffarini Guidi, Ministro degli Interni della R.S.I. e successivamente Commissario della Croce Rossa Italiana fino all'aprile del 1945. Dopo tale data, Pagnozzi venne fermato a Milano e, in seguito al suo arresto, i servizi alleati si impossessarono di due casse piene di documenti riservati da lui nascoste in una cascina della ditta Innocenti, nei dintorni di Milano.
Le casse, contenevano, fra l'altro, le vere liste dell'OVRA che, dopo un'abbondante e interessata purga, vennero rese pubbliche. Pagnozzi, prima del 25 luglio era Prefetto, a disposizione della Polizia; quando cadde il Fascismo, durante i drammatici 45 giorni del governo Badoglio, pur essendo fuori servizio continuava ad incontrare alti funzionari della Pubblica Sicurezza e ufficiali dell'Arma e tramite queste amicizie, vecchie di anni, venne a sapere di situazioni e di avvenimenti che normalmente si definiscono “riservati”. Seppe, per esempio, dei trasferimenti del Duce dall'isola di Ponza alla Maddalena e dalla Maddalena al Gran Sasso, mentre, a metà del mese di aprile del 1945, per incarico del Ministro Tarchi, funzionò da intermediario per regolare pacificamente il trapasso dei poteri nelI'Italia settentrionale. Come interlocutore, ebbe Brusasca che gli comunicò le condizioni di “resa” fra le quali era contemplata la consegna di Mussolini agli alleati. Quando il Duce venne informato delle trattative, ebbe il presentimento di quanto successe poi a Norimberga e osservò che Brusasca e Marazza erano soltanto esponenti della democrazia cristiana e pertanto non avevano nè i mezzi nè le forze per garantire che sarebbero state rispettate dagli altri partiti, specie dai comunisti e dai socialisti.
Ma torniamo al caso Muti e a quanto fece il governo per trasformare un palese misfatto in una meritoria azione per la difesa dello Stato. Nel diario del generale Puntoni, di cui a suo tempo curai la pubblicazione sul settimanale “Tempo”, si legge infatti a questo proposito: “Conversazione delicata con Sua Maestà. Metto in guardia il Sovrano, circa un decreto che proprio in questi giorni dovrebbe essere sottoposto alla sua firma. Si tratta di una disposizione per il passaggio diretto nell'Arma dei Carabinieri, con il grado di maggiore o di capitano, di elementi provenienti dalla Polizia. Il decreto, a quanto mi risulta, sarebbe stato predisposto per favorire il commissario Marzano, protetto da Acquarone, da Badoglio, da Cerica e da Ambrosio e vorrebbe essere un premio per la parte che Marzano ha avuto nell'arresto di Mussolini...” E non soltanto di Mussolini, va aggiunto, ma anche di Muti, cosa, comunque, che Puntoni annota con scrupolo. “Sembra - riferisce sempre il suo diario - che qualcuno molto in alto abbia fatto a Marzano promesse concrete per quanto ha fatto e continua a fare in relazione all'epurazione degli elementi fascisti. Oltre a essere stato un elemento di primo piano nell'operazione di Villa Savoia, ha avuto un ruolo importante nell'arresto di Muti, conclusosi in maniera così tragica...”.
Come si svolsero i fatti in quella notte d'agosto del 1943 nella pineta di Fregene, buia come la gola di un pozzo? Quale era la situazione generale e quale il clima politico di quelle giornate, durante le quali italiani e tedeschi, ancora alleati, cercavano di darsela a intendere a vicenda? Gli italiani, assicurandoli che avrebbero continuato la guerra, nonostante la caduta del Fascismo e l'uscita di scena di Mussolini, e i tedeschi, fingendo di crederci. A Roma, infatti, nella massima segretezza, le autorità militari elaboravano piani antitedeschi mentre ufficialmente, da parte degli alti comandi italiani, la collaborazione con la Germania continuava come se nulla fosse. A Madrid, dove I 'incontrai dopo la sua fuga dall'Italia, il generale Roatta mi raccontò infatti che il capo di S.M. generale Ambrosio, prima di partire per una riunione con i tedeschi che si svolse a Bologna il 16 agosto del 1943, gli accennò alI 'eventualità di un armistizio con gli angloamericani ma ciò nonostante, con la massima improntitudine, discusse lo schieramento delle forze italo-tedesche per la difesa della Penisola contro sbarchi alleati. Sempre a Bologna, in quella stessa circostanza, Roatta chiese e ottenne una divisione germanica in più per rinforzare la Sardegna e allorché, nel corso di una delle tante indagini sul suo comportamento per la mancata difesa della capitale, gli fu domandato il perché di una così strana richiesta, rispose che fecero altrettanto Ambrosio e Badoglio per evitare che i tedeschi scoprissero la verità sulle trattative che erano già in corso con il nemico. A rendere, comunque, più ambigua la situazione, verso il 20 di agosto, accadde un altro fatto che ha dell'inverosimile ma che rispecchia quali fossero i veri propositi di Badoglio. Interpellato dal capo di S.M. generale, il Maresciallo rifiutò la proposta di “orientare i comandi periferici nei Balcani su quanto sarebbe successo” e aggiunse di aver preventivato anche la perdita di mezzo milione d'uomini, piuttosto che “soggiacere alle ben più gravi conseguenze di un'immediata reazione germanica provocata da eventuali indiscrezioni ...”.
Il vecchio Maresciallo, viveva in preda al terrore e ogni mattina, infatti, allorché il generale Carboni, quale Commissario del SIM, si recava a rapporto, capitava che talvolta vi si recasse anche due volte nella stessa giornata, Badoglio tirava un lungo sospiro, scrollava la testa e ripeteva la solita litania: “Anche stanotte, i tedeschi non mi hanno prelevato!” . Faceva una pausa e aggiungeva: “Ecco in che pasticcio mi ha messo il Re!”. In altre parole, pavido e incapace di dominare la situazione che giorno dopo giorno gli sfuggiva di mano, era più preoccupato della propria sorte che di quella del Paese che s'avviava allo sfascio. Del resto, come si comportò durante l 'ultimo, drammatico Consiglio della Corona che si tenne al Quirinale, prima della precipitosa partenza per Pescara e nel castello di Crecchio, in attesa dell’imbarco sulla corvetta “Baionetta”? In proposito, esistono due testimonianze ineccepibili, una è del generale Luigi Marchesi, a quell'epoca giovane maggiore addetto al capo di S.M. generale Vittorio Ambrosio e l'altra è del generale Paolo Puntoni che, in veste di primo aiutante di campo generale, era, diciamo così, l'ombra di Vittorio Emanuele III. Da entrambe le dichiarazioni si ricava un quadro desolante, sia morale che intellettuale, fornito da individui che pur investiti di altissima autorità si dimostrarono incapaci di fronteggiare gli eventi, dotati di discutibile amor patrio e pronti a qualsiasi compromesso pur di salvare i propri averi e la propria pelle. Sebbene di grado piuttosto modesto rispetto a quello di vari partecipanti al consiglio, (c'erano infatti, attorno a un tavolo ovale, il Re, Badoglio, Carboni, Ambrosio, I'ammiraglio De Courten, Guariglia e alcuni altri ministri), Marchesi che conosceva a menadito i retroscena delle trattative per I 'armistizio, prese la parola e manifestò il proprio disappunto allorché Badoglio e Carboni, per timore delle reazioni germaniche, si opposero al lancio di paracadutisti USA su Roma e al contemporaneo atterraggio, sui campi attorno all'Urbe, della 82a divisione avio trasportata americana. Il perché del rifiuto, Marchesi lo spiega con una battuta tagliente: “Paura, una forsennata paura fisica dei tedeschi. Badoglio, era in preda al panico. . .”.
A Crecchio, secondo il racconto di Puntoni, successe lo stesso. “Mentre il Re è assolutamente tranquillo - annotò nel suo diario il generale - Badoglio appare distrutto... È pallido, preoccupato e ossessionato dal terrore, che del resto manifesta palesemente, di cadere nelle mani dei tedeschi. La frase che ripete sovente è “Se ci prendono, ci tagliano la testa a tutti...”
Ettore Muti a colloquio con Amedeo Duca d'Aosta su un campo di aviazione.
Alla paura di finire in mani ai tedeschi, Badoglio univa un timore, altrettanto evidente e dichiarato, che elementi di spicco del passato Regime, d'accordo con I'alleato germanico, potessero provocare sommosse o inscenare un colpo di Stato con conseguenze, soprattutto per lui, facili da intuire. Muti, di cui il Maresciallo conosceva la fedeltà a Mussolini, anche se in più circostanze ne aveva criticato le direttive di guerra, era uno dei più “indiziati” e, come tale, di continuo nel suo mirino.
“Non appena venni nominato commissario del SIM - mi raccontò Carboni in occasione di un nostro incontro - il Maresciallo mi chiamò e mi impartì direttive particolari per la sorveglianza di Muti.” "È un tipo pericolosissimo - mi disse - e va tenuto d'occhio notte e giorno. Attento, però, a farlo con discrezione; il tipo è violento e non so come potrebbe reagire. Non voglio scandali...Controllarlo, sorvegliarlo. Una parola. A rendere più difficile l'operazione contribuiva anche il fatto che dopo il ritorno in Patria, nel 1943, Muti era stato arruolato dai servizi segreti che dipendevano da Roatta...”
Prima, comunque, di ordinarne l'arresto, Badoglio cercò di ingraziarselo, nella speranza che, in caso di bisogno, avrebbe potuto usarlo come “alibi” con i tedeschi. Cosa fece, me lo rivelò Coriolano Pagnozzi.
“Un giorno - disse - il Maresciallo chiamò il Questore Benedetto Norcia, che sapeva amico di Muti, e lo pregò di invitare al Viminale l'ex Segretario del Partito. Norcia si mise in contatto con l'amico, lo condusse da Senise e questi, a sua volta, lo portò da Badoglio. Fu un colloquio "cordialissimo", durante il quale sia il capo del Governo che l'astuto Senise si dichiararono preoccupati per la sua incolumità, dato, dissero a una voce, che c'erano in giro molti sovversivi. "Se possiamo darle un consiglio" - intervenne anzi il numero uno della Polizia mentre Badoglio ne confermava le parole con vistosi cenni del capo " lasci la casa di Roma e si ritiri a Fregene; starà più tranquillo, là nessuno la potrà disturbare, nè gli antifascisti più scalmanati, nè la pubblica sicurezza...". Con la tipica ingenuità dell'eroe, Muti seguì il consiglio del Capo del Governo, che ritenne dettato da sincera amicizia, e non lo sfiorò neppure l'idea che i due avessero agito in quel modo per tenerlo con più facilità sotto controllo. D'altronde, come poteva supporre che stessero preparandogli una trappola mortale, quando nessuno s'era preoccupato di ritirargli il passaporto con il quale, nella seconda decade d'agosto, si era recato in Spagna?
Quel viaggio, invece, segnò il suo destino. A Madrid, infatti, attraverso contatti con personalità conosciute durante la guerra civile, Muti venne a sapere che erano già iniziate le trattative con emissari angloamericani per l'armistizio e ne rimase sconvolto. Tornò a Roma indignato; confidò agli amici quanto aveva saputo e si scagliò contro Badoglio con parole di fuoco. Le sue escandescenze vennero riferite al Capo del Governo da informatori della Polizia e da agenti del SIM e Badoglio, che già era in preda allo sgomento, nel timore che Muti, per tentare la liberazione di Mussolini, prendesse contatto con i tedeschi e li avvertisse delle trattative in corso con gli alleati, decise di accelerare i tempi e, per l'esecuzione del suo piano, convocò Carboni. A Senise inviò un messaggio il cui contenuto era una chiara sentenza di morte. Diceva, infatti: “Per Sua Eccellenza Senise. Muti è sempre una minaccia: il successo è solo possibile con un meticoloso lavoro di preparazione. Vostra Eccellenza mi ha perfettamente compreso”.
“Badoglio - fu il racconto di Carboni - mi chiamò il 21 agosto e mi ordinò, perentoriamente, di far arrestare Muti. Motivo: spionaggio e complotto contro lo Stato. "A compiere l'arresto - disse - devono essere i Carabinieri perché soltanto di loro posso fidarmi..." io, a mia volta, convocai nel mio ufficio il Comandante dell'Arma, generale Angelo Cerica, e insieme studiammo le modalità della faccenda, considerandone le numerose difficoltà. Avevo appena finito il colloquio con Cerica, che mi chiamarono di nuovo al Viminale. Trovai il Capo del Governo in preda e una crisi di ... incertezza. Volle sapere, in dettaglio, gli accordi presi con Cerica, poi, all'improvviso, si alzò dalla poltrona e disse: "Non ancora. Voglio ripensarci. L'arresto di Muti potrebbe affrettare l'azione dei tedeschi, oppure Muti potrebbe riuscire a farla franca e allora succederebbe uno scandalo. Altra cosa, se l'arrestiamo, dove lo nascondiamo?" Camminava su e giù per la stanza, avvilito e depresso come non lo avevo mai visto. "Tanto" - disse a un tratto socchiudendo gli occhi - "io finirò ammazzato dai tedeschi...".
Domandai: “Ha notizie, Eccellenza, di novità nei rapporti Kesselring-Muti?”
Badoglio scrollò il capo. "Allora" - dissi - "soprassediamo di qualche giorno...". Neppure due giorni dopo, il Maresciallo mi richiamò. Era spaventato e pallido come un cencio. "Non si può più aspettare" - disse - "se non lo arrestiamo subito, quello ci fa la pelle a tutti. Mi ripeta il piano...". Mentre gli esponevo quanto avevo concordato con Cerica, m'interruppe e disse: "E se si difende? Cosa facciamo, se si difende?"
“Il comandante dei Crabinieri è persona fidata” - risposi- “ed è sicuro dei suoi uomini...”.
“Bene, bene” - ribatté Badoglio - “a che ora sarà fatto?”.
“In piena notte” - dissi io. Il Maresciallo mi congedò ripetendomi più volte: “Mi raccomando. Mi raccomando. Se Muti ci scappa è finita per tutti...”.
L'incarico di eseguire l'operazione, venne affidato al capitano Vigneri un esperto, diciamo così, di faccende del genere poiché, più o meno un mese prima, aveva partecipato all'arresto di Mussolini a Villa Savoia. Stranamente, però, l'ufficiale si dichiarò indisponibile e passò l'ordine a un suo solerte dipendente, il tenente Ezio Taddei, il quale lo eseguì con particolare zelo.
Fino al giorno 23 mattina, poche ore prima dell’uccisione, con Muti che gli si era rivolto per protestare contro la visita di un maresciallo dell'Arma che intendeva fermarlo, sebbene non avesse un regolare mandato, Senise recitò la commedia dell’amico e del protettore. Stando così le cose, “Jimmy dagli occhi verdi”, come lo chiamava D'Annunzio da quando all'età di 17 anni se lo vide arrivare a Fiume, dopo che a 16 anni aveva partecipato alla Grande guerra nel corpo degli Arditi, viveva a Fregene, fuori d’ogni sospetto, in una villetta d'affitto, situata al numero 19 di via Bagnoli. Con lui, abitavano un amico ravennate, l'industriale Roberto Rivalta, l'attendente Masaniello, la bellissima soubrette Dana Harlowa e la cameriera Concetta Verità.
Ed ecco lo scenario del dramma. Notte calda, silenziosa, piena di stelle. Da Roma, al comando del tenente dei Carabinieri Taddei, parte una colonna di macchine dell'autocentro del Viminale, formata da una vettura, un autocarro e un'autoambulanza che, attraverso la via Aurelia raggiunge la stazione dei carabinieri di Maccarese, dalla quale dipendono i due posti fissi di Fregene e di Palidoro. A Maccarese Taddei lascia l'autoambulanza, ed è strano che se ne sbarazzi data la notorietà del personaggio da “arrestare" e, poco pratico dei luoghi, prende come guide due militi del posto, fra cui Antonio Contiero, il Contiero che dopo l'8 settembre, rivelerà quanto in realtà accadde quella notte. Il brigadiere Barolat, comandante della stazione di Fregene, quando arriva il gruppo al comando del tenente Taddei, vi si unisce e lo guida alla villa dell 'ex Segretario del Partito che si trova ai margini della pineta, distante all'incirca un chilometro e mezzo. Con l'ufficiale, ci sono un maresciallo dei servizi, un altro brigadiere, 16 carabinieri in uniforme e, in coda al gruppo, un taciturno civile, con indosso una tuta kaki. Alle due di notte, la villetta viene silenziosamente circondata e, per ordine di Taddei, Barolat suona alla porta. Apre l'attendente di Muti Masaniello; il tenente dei Carabinieri irrompe in casa e dichiara ad alta voce: “Ho un mandato di cattura per Ettore Muti!”.
Questi compare a torso nudo, con i pantaloni del pigiama, e pur mostrando sorpresa e incredulità si rassegna all'intimazione di arresto. Agli altri, che nel frattempo si sono anch'essi alzati, Taddei ordina di tornare nelle loro stanze. Sotto scorta, Muti si reca nella propria camera e sebbene l'ufficiale dei carabinieri insista perché vesta un abito civile, “Jimmy" indossa, invece, l'uniforme dell’Aeronautica e ridiscende in basso. Saluta gli amici, consegna alcune migliaia di lire alla cameriera e, dopo averla pregata di telefonare al comandante Aliprandi, capo di gabinetto del Ministro della Marina, data la sua appartenenza al SIS, si avvia all’uscita. Nella luce della porta, Rivalta ha modo di vedere in viso il misterioso “uomo in tuta” e dopo la morte di Muti lo descriverà di mezza età, stempiato, con gli occhi chiari e un inconfondibile accento napoletano. Quale ruolo, quel personaggio abbia nella faccenda, lo sa soltanto il tenente Taddei. È un “segreto”, comunque, che a Rivalta, il quale potrebbe svelarlo, costerà la vita e difatti qualche tempo dopo l'industriale verrà ucciso in un vicolo di Ravenna e nessuno indagherà sulla sua morte. Il gruppo si ricompone e verso le due e mezzo si mette in cammino attraverso la pineta; nonostante il buio, nessuno fa uso di lampade. Stranamente, in testa a tutti, anziché Barolat, scelto come guida, o un paio di carabinieri, cammina Muti e, alle spalle di Muti, l'individuo in tuta; dietro, ci sono tutti gli altri, compreso Taddei. A questo punto comincia il “giallo”.
Taddei, nella versione ufficiale fornita alla magistratura militare parla di attacchi con armi da fuoco, di risposta da parte dei carabinieri e di uccisione di Muti mentre tenta la fuga. La verità del milite Contiero, uno dei 16 del gruppo, allorché si è deciso a parlare, risulta alquanto diversa: il tenente lancia un fischio, evidentemente un segnale, cui risponde un altro fischio, a titolo d'intesa, seguono alcune raffiche di mitra e dei colpi isolati; tutti gli uomini, ignorando cosa sta succedendo, si buttano a terra poi, a un ordine di Taddei, come d'incanto torna il silenzio. I militi, tutti illesi, si rialzano; il solo che non si rimette in piedi è Ettore Muti: è bocconi, a ridosso di un cespuglio. Due pallottole, sparate a bruciapelo alle spalle, gli hanno forato il berretto all'altezza della nuca e dalle due ferite da revolver esce un abbondante fiotto di sangue. Nonostante il buio, lo scambio di raffiche fra presunti assalitori e assaliti, non c'è stato un ferito; c'è soltanto un cadavere, quello di Muti, che raccolto verso l'alba e infilato in un sacco, in fretta viene trasportato a Roma, all'ospedale militare del Celio. Fra le persone accorse, c'è la madre dell'Eroe la quale, a ricordo del figlio, chiede solamente il berretto sul quale sono ben visibili i fori d'entrata dei due colpi sparatigli dall'individuo in tuta. La versione ufficiale dell'accaduto, pubblicata all'indomani, mise a nudo, ancora una volta, la viltà di chi aveva impartito quell'ordine. Parlava infatti di scontro a fuoco con paracadutisti tedeschi, mentre venne accertato che nella pineta non c'erano accampamenti militari; di tentativo di fuga di Muti, mentre l'arrestato presentava due fori nella parte posteriore della testa e nessuna ferita nel resto del corpo e tanto meno nelle gambe; di parà apparsi come ombre, sebbene nella pineta ci fosse buio pesto e infine di “eccezionali precauzioni” del comandante del drappello il quale, invece di usare l'auto di cui disponeva, che gli avrebbe permesso di allontanarsi rapidamente e indisturbato da Fregene, s'incamminò a piedi, esponendosi ad ogni sorta di eventuali pericoli.
Questo fu il racconto di Carboni: “Quando la mattina, dopo ricevuta la relazione di Cerica, andai al Viminale per riferire a Badoglio, mi resi conto che il Maresciallo era soddisfatto di quanto era successo. Sparito Muti, il Capo del Governo prese coraggio e ordinò ai Carabinieri, alla Polizia e al SlM, sempre con la motivazione del "complotto contro lo Stato", numerosi arresti di persone da lui ritenute "particolarmente pericolose" . Il colpo di grazia a Muti, cercò di darlo con un comunicato infamante che uscì il 25 agosto in cui si parlava di “gravi irregolarità nella gestione di un ente parastatale”, di un “tentativo di fuga mentre lo si conduceva alla caserma” e del suo decesso a causa di ferite da colpi di moschetto, sparati dai carabinieri che lo inseguivano.
Una menzogna dalla prima all'ultima parola e un meschino tentativo di scaricare la responsabilità dell'accaduto sui Carabinieri, mentre nel gruppo c'erano anche agenti di polizia ed era un poliziotto l' individuo in tuta che sicuramente agì da killer. Altro particolare da non trascurare: furono forniti dall'autocentro del ministero degli Interni, di cui era capo Marzano, gli automezzi usati per la spedizione.
Dopo la pubblicazione del comunicato, Carboni si recò al Viminale a protestare; per ordine del Maresciallo ne venne allora preparato un secondo, “peggiore del primo - mi confermò il generale - che per fortuna, però, non venne diramato... “
Anche il commento di Vittorio Emanuele lll, riferito da Puntoni, fu negativo: “Sua Maestà mi parla della situazione interna e mi dice di aver dovuto parlare di nuovo, in maniera più aspra e violenta con Badoglio, il quale mostra troppo apertamente di volersi appoggiare ad elementi che risultano poco sicuri...”
Il Questore Norcia, che si sentiva “colpevole” per aver stabilito un contatto di Muti con Senise e con Badoglio, indignato, diede immediatamente le dimissioni.
E il famoso “biglietto” al Capo della Polizia? Badoglio tornò sull'argomento con un'intervista, concessa nell'autunno del 1950 al settimanale romano “Elefante” che provocò ripensamenti o smentite a non finire; e smentì perfino il suo stretto collaboratore Senise che accusato di eccessivi timori per un complotto tedesco fascista rispose in maniera esplicita che “le preoccupazioni in quel senso erano solo ed esclusivamente del Maresciallo”. Nell' intervista, Badoglio disse, fra l'altro, “il biglietto che reca la mia firma, diretto a Senise non ha a che vedere con Muti, se non l'ultima parte. Allora ero preoccupato di cose più importanti e il nome di Muti serviva soltanto per ricordo a Senise...”. Il compromettente messaggio, quindi, a detta di chi lo compilò, era vero, ma appena il Maresciallo ne fece cenno sul settimanale “Elefante”, il Capo della Polizia inviò una lettera di rettifica il cui contenuto contrastava però in maniera palese con quanto aveva affermato in precedenza; prima, infatti, aveva sostenuto l'autenticità del biglietto poi, pentito forse di avere ammesso una verità che lo coinvolgeva in una così torbida faccenda, disse “che si trattava di una macchinazione organizzata al Nord dalla propaganda fascista”.
«Muti è sempre una minaccia. il successo è possibile solo con un meticoloso lavoro di preparazione. Vostra eccellenza mi ha perfettamente compreso. Badoglio»
Coriolano Pagnozzi, a sua volta mi dichiarò: “Appena seppi della morte di Muti e lessi quel comunicato, non esitai a considerare la “versione ufficiale" un falso rozzo e smaccato, suggerito da una ben nota vigliaccheria. interrrogando amici dei Carabinieri, della Polizia e dello stesso Muti, feci anch’io un’inchiesta; dopo l’8 settembre, allorché ripresi servizio, da testimoni ineccepibili e dalla lettura di carte riservate esistenti al Viminale e da altre abbandonate dai fuggiaschi di Pescara o lasciate, a bella posta, per nuocere a qualche rivale, venni a conoscere i particolari di quella tragica notte. Badoglio, di carte compromettenti, per paura di venire acciuffato dai tedeschi, quando fuggì, ne lasciò parecchie; scordò perfino il testo delle condizioni di armistizio, tanto che fu costretto a chiederne una copia alla missione militare alleata che il 13 settembre si recò a Brindisi. Il famoso biglietto l'ho visto con i miei occhi. Era nella cartella di Buffarini Guidi. Quattro righe di chiaro significato, pesanti come il piombo”. Da quell' agosto del 1943, sono trascorsi 50 anni. L'allora tenente Ezio Taddei, vivo o morto che sia, continua a custodire quel pesante segreto. Perché non abbia mai parlato, e se è ancor in vita perché non si decida a raccontare la verità, è un mistero. Nonostante siano stati aperti perfino gli archivi del segretissimo KGB sovietico, non so perché il suo “vero rapporto” non venga messo a disposizione della storia. Comunque siano andate le cose, sappiamo che fu un esecutore d'ordini e pertanto la sua responsabilità è marginale. Il vero colpevole, è un altro...

OSTIA: Fregene, affiorano altri resti archeologici
di ALBERTO BRANCHINI
Il Messaggero (Ostia), 13 nov. 2005

I ritrovamenti nel corso dei sondaggi nei terreni dove stanno per partire alcuni progetti di urbanizzazione
Una sorpresa dopo l’altra dai sondaggi che vengono fatti sotto la sorveglianza della Soprintendenza di Ostia Antica per accertare eventuali presenze archeologiche nei terreni dove le imprese del gruppo Federici si accingono a costruire. Nell’area adiacente alla pineta affiora infatti una grossa anfora di terracotta di epoca romana e nei pressi di via Ortona le ruspe portano allo scoperto una strada che con tutta probabilità risale allo stesso periodo. Buon ultimo, un altro tratto di massicciata è venuto fuori nella zona di via Agropoli e potrebbe rappresentare la continuazione della strada scoperta in precedenza. Il rinvenimento dell’anfora, un contenitore per la conservazione di cibi come le olive o un’olla cineraria, viene messo in relazione con il pavimento a mosaico di epoca romana portato alla luce all’inizio del secolo scorso nella stessa zona, in prossimità di due impianti sportivi. Ma la cosa che fa più scalpore è la scoperta della strada. Una massicciata larga 5 metri, stretta ai bordi da basoli di 70 centimetri: per un archeologo fresco di laurea una strada romana, «perché i romani le strade le facevano anche in quella maniera». Per la Soprintendenza, invece, c’è bisogno di altri riscontri perché potrebbe trattarsi di basoli che sono stati riutilizzati; in più c’è qualcosa che non quadra nella tecnica di costruzione. Quello che è certo è che a partire dal quinto secolo d. C. tutta la zona era completamente disabitata e in preda alla malaria e pertanto non ci sarebbe stata ragione di andarci a costruire un’arteria così importante. C’è da aggiungere che la strada prosegue sottoterra anche dove ancora non si è scavato, avendo sulla sua direttrice da una parte la zona dei porti imperiali di Fiumicino e dall’altra la torre di Primavera, dove c’era la Fregene romana. Perciò tutto lascia ritenere che si tratti della via che collegava Porto con le città costiere di Fregenae e Alsium (Palo) che, con Ad Turres (Statua) e Pyrgi (Santa Severa), formavano un sistema di approdi finalizzato alla sicurezza della navigazione sottocosta. «In pratica – fanno notare alcuni cittadini – è la conferma di una cosa che abbiamo sentito dal più autorevole e scrupoloso ricercatore di notizie sulla zona, Giosue Carcaterra, e cioè che la via di Porto un tempo passava per Fregene». Ovvio che, in conseguenza di questi ritrovamenti, il progetto di urbanizzazione, specie per quanto riguarda la zona di via Ortona, dovrà essere rivisto. A meno che la Soprintendenza non ritenga che il manufatto della strada possa essere integrato nella lottizzazione: 25 mila metri cubi da edificare su una superficie di 18 mila metri quadrati, di cui 2 mila destinati a verde pubblico, 5 mila a parcheggi e mille alla viabilità locale. «Bisognerebbe fare in modo che la strada, che a occhio e croce viene a trovarsi nel punto in cui è in progetto un supermercato con parcheggio, opportunamente protetta, non fosse sottratta alla vista dei cittadini», dice Rosalba Loreti, ambientalista a tutto campo. E Franco Travaglini, presidente della Pro loco, non si lascia sfuggire l’occasione per alzare il tiro nei confronti del Comune di Fiumicino: «Fregene ha un motivo in più – osserva - per essere valorizzata. Prima di sfornare case a getto continuo, sarebbe ora che si rimediasse al degrado a cui è stata abbandonata».
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu